I dipendenti sono contenti dello Smart working?

La pandemia da COVID ha senza dubbio rivoluzionato il mondo del lavoro, facendo conoscere a tutti lo smart working (detto anche lavoro a distanza).

Moltissime le aziende che nel corso degli ultimi due anno hanno addotto questo metodo di lavoro, che promette una maggiore produttività, costi inferiori, maggiore flessibilità individuale e migliori esperienze dei dipendenti.

Ma cosa ne pensano realmente i dipendenti dello smart working?

Secondo una recente ricerca fatta su un campione di 5.000 dipendenti in tutto il mondo, emerge che la produttività è aumentata in questi mesi, ma i dipendenti si sentono incerti sul futuro. Il 40% degli intervistati afferma infatti che la propria azienda non ha ancora condiviso alcuna visione chiara sulle modalità di lavoro post-pandemia.

Molti datori di lavoro hanno dichiarato che avranno l’intenzione di adottare modalità “ibride”, ma per il momento veramente in pochi hanno condiviso linee guida dettagliate, aspettative o linee guida.

Nelle aziende che non hanno comunicato o fato vagamente il futuro del lavoro post-pandemico, quasi la metà dei dipendenti afferma che questo sta provocando loro preoccupazione e ansia.

Più della metà ha dichiarato che vorrebbe un modello di lavoro ibrido più flessibile, in cui alternare le giornate di lavoro in sede a quelle di lavoro da remoto. Più di un quarto degli intervistati ha riferito che prenderebbe in considerazione la possibilità di cambiare lavoro se la propria azienda tornasse a lavorare completamente in presenza. La metà degli intervistati ha dichiarato che vorrebbe lavorare da casa almeno tre giorni a settimana.



error: Contenuto protetto !!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Consulta l’informativa sulla privacy.